Moonstone, decima puntata seconda serie, 23/03/2014: the Last.Fm playlist

Deathcamp Project
Deathcamp Project

Acid Ice Flows  – Lidless eyes

AktiveHate – My own God

Anti-Venom – I tried to do my best

Avec Aisance – A second too lazy

A Spectre is Haunting Europe – BBQMS

Bankrupt – Cinderella

Best Left Unsaid – Sleep

Black Heaven – Glut Und Asche

Brain Damage – Une éte de serre (remastered)

Butt-Head – Don’t cry

Camp Z – From darkness to reality

Cloud Furnace – A single strand

Control + Alt + Deus – Perfekt Hatred (Aktivehate Remix)

Cyanotic – Sensory overload

Deathcamp Project – Rule and control

DHM – Ne Jestem Kontrolowany

Doppelganger – Democracy’s undead

Dream Metaphor  – Space traveller

Echo is Your Love – A song for Sea Scouts

Empire – Bang

Every New Dead Ghost – 1992 (live)

Fine Before You Came – Buio

Flawless – Words

Flight 2039 – Second to none

Gargaj – Rude awakening

Glorie – Falling

Godlike – Stalker

H. Zombie – Inner fears

Hapaloclaena Maculosa – ‘Cause they’re dying

Ikon – Amongst the runes

Kiev Office – Satellita

Killing Faith – Kreationismus

Krakow – Kasanovas – Roses are red (live)

Ladytron – White Elephant

Lady Bloody Mary – Staring into space

Los Carniceros del Norte – Posesion Infernal

Mallory – The house you were raised in

Model Reign – Cowboy gets killed

Monozid – Draussen

Motorama – Normandy

Neon – Planetscape

Nexus VI – Simulacrum

No Tears – Senso

Adolf Plays the Jazz – Frank Zappa needs haircut

Moonstone: suoni e rumori del vecchio e del nuovo millennio, ogni domenica dalle 21 a mezzanotte su http://www.radiocentromusica.it

In FM su:

ITALIA 93.700 – 107.200 – 87.500 – 96.50 – 87.750
EUROPA 97.100
STATI UNITI 97.100
AMERICA LATINA 97.100

Per contatti: moonstone@radiocentromusica.it

Sonia Caporossi

 

Annunci

Moonstone, nona puntata seconda serie, 16/03/2014: la playlist

Rozz Williams
Rozz Williams

Faust – Why don’t you eat carrots / Meadow Meal

MorkObOt – Tobokrom

Project Pitchfork – Alpha & Omega

Red Zebra – I can’t live in a living room

Bjork – Joga

Here – Apart

Excuse 17 – Watchmaker

David Sylvian – Orpheus

Rozz Williams & Gitane Demone – Flowers

Peter Gabriel – Mercy Street

Leitmotiv – Attendre Encore

The Carving – Sadistic girl

Nirvana – Pennyroyal Tea

Devil Doll – Mr Doctor

R.E.M. – Swan Swan H

Can – Come sta, la Luna

Christian Death – When I was bed

Christian Death – Romeo’s Distress

Christian Death – Spiritual Cramp

David Bowie – Ashes to ashes

H2O – Stranger to stranger

Killing Joke – Requiem

Hole – Old Age

Pixies – Where is my mind

Ultravox – Astradyne

Scissor Shock – Blood infinitive

Sex Pistols – C’Mon Everybody

Soundgarden – Black Hole Sun

Subarachnoid Space – Honorable Mention

Talking Heads – No compassion

The Sisters of Mercy – Walk away

The National – Cherry Tree

The Smashing Pumpkins – Tear

The Arid Sea – Closing in

The Stranglers – Walk on by

The Metrosexuals – Song 1

The Silence Industry – A home for echoes

Love is colder than death – In your presence

Sad Lovers & Giants – Things we never did

Moonstone: suoni e rumori del vecchio e del nuovo millennio, ogni domenica dalle 21 a mezzanotte su http://www.radiocentromusica.it

In FM su:

ITALIA 93.700 – 107.200 – 87.500 – 96.50 – 87.750
EUROPA 97.100
STATI UNITI 97.100
AMERICA LATINA 97.100

Per contatti: moonstone@radiocentromusica.it

Sonia Caporossi

Verde Rivista: una collaborazione impura (numeri 7 – 10 – 16 – 21)

La collaborazione con Verde Rivista, Protolettere, interpunzioni grafiche e belle speranze, cominciata nel dicembre 2012, prosegue ancor oggi con la pubblicazione di poesie e prose. L’ultimo numero all’interno del quale è comparso un mio lavoro è stato il numero 21 di febbraio scorso. Ho pensato di raccogliere qui i numeri di Verde Rivista in cui compaiono i miei testi per agevolare la lettura.

Clicca sulle copertine per andarli a leggere.

Verde n. 7 - Dicembre 2012, con testi di Antonin Artaud, Sonia Caporossi, Pierluca D'Antuono, Simone Ghelli, Marco Lupo, Alda Teodorani
Verde n. 7 – Dicembre 2012, con testi di Antonin Artaud, Sonia Caporossi, Pierluca D’Antuono, Simone Ghelli, Marco Lupo, Alda Teodorani

All’interno: Van Gogh, racconto di Sonia Caporossi.

Verde n. 10 -Marzo 2013, con testi di Sonia Caporossi, Pierluca D'Antuono, Alda Teodorani, S. H. Palmer, Simone Lucciola,  Max Cabrerana, Federica Lemme, Deny Everything Distro, Essegei Procaccini
Verde n. 10 -Marzo 2013, con testi di Sonia Caporossi, Pierluca D’Antuono, Alda Teodorani, S. H. Palmer, Simone Lucciola, Max Cabrerana, Federica Lemme, Deny Everything Distro, Essegei Procaccini

All’interno: Desordre, poesia di Sonia Caporossi.

Verde n. 16, settembre 2013, con Sonia Caporossi, Pierluca D'Antuono, Alda Teodorani, Simone Lucciola, Lorenzo Iervolino, Luca Carelli, Toni Bruno, S.H. Palmer
Verde n. 16, settembre 2013, con Sonia Caporossi, Pierluca D’Antuono, Alda Teodorani, Simone Lucciola, Lorenzo Iervolino, Luca Carelli, Toni Bruno, S.H. Palmer

All’interno: Letargo, poesia di Sonia Caporossi.

Verde n. 21 Anno III febbraio 2014. Con testi di Pierangeli, Teodorani, Caporossi, D'Antuono, Lucciola, Palmer. Illustrazioni di Dino Valls.
Verde n. 21 Anno III febbraio 2014. Con testi di Pierangeli, Teodorani, Caporossi, D’Antuono, Lucciola, Palmer. Illustrazioni di Dino Valls.

All’interno: Verginità, poesia di Antonella Pierangeli e Maria o della Verginità Perduta, racconto di Sonia Caporossi.

Moonstone, ottava puntata seconda serie, 9 marzo 2014: the Birthday Party Playlist

Dalla sinistra: Brian Eno, Robert Fripp, David Bowie durante le sessioni di registrazione di Heroes (1977)
Dalla sinistra: Brian Eno, Robert Fripp, David Bowie durante le sessioni di registrazione di Heroes (1977)

Talk Talk – Such a shame

Sugarcubes – Regina

Peter Gabriel – I don’t remember

R.E.M. – Old man Kensey

Dead Can Dance – Mesmerism

Duran Duran – Night Boat

The Frozen Autumn – Wait for nothing

For Against – Clandestine high holy

The Cure – A strange day

Underground Life – Il mondo di Suzie W

Chrisma – Black silk stocking

New Order – Blue Monday

Yazoo – Don’t go

David Bowie – Heroes

TXT – Girl’s got a brand new toy

Nik Kershaw – The riddle

The Twins – Face to face, heart to heart

A flock of seagulls – I ran (so far away)

Anne Clark – Sleeper in Metropolis

The Smiths – There is a light that never goes out

Bronski Beat – Smalltown boy

Japan – In Vogue

Julian Cope – Charlotte Anne

Bryan Ferry – Don’t stop the dance

Depeche Mode – Everything counts (long version)

Fiction Factory – Feels like Heaven

Tears for Fears – Mad world

The Teardrop Explodes – Reward

Icehouse – No promises

John Foxx – Underpass

The Stranglers – Golden Brown

Visage – Fade to grey

Simple Minds – Someone, somewhere in Summertime

Siouxsie and the Banshees – Hall of Mirrors (Kraftwerk cover)

The Chameleons – Second Skin

The Psychedelic Furs – Heaven

The The – Uncertain smile

Fra Lippo Lippi – Shouldn’t have to be like that

Kate Bush – Cloudbusting

Moonstone: suoni e rumori del vecchio e del nuovo millennio, ogni domenica dalle 21 a mezzanotte su http://www.radiocentromusica.it

e su http://www.radiocentromusica.tv

In FM su:

ITALIA 93.700 – 107.200 – 87.500 – 96.50 – 87.750
EUROPA 97.100
STATI UNITI 97.100
AMERICA LATINA 97.100

Per contatti: moonstone@radiocentromusica.it

Sonia Caporossi

IL ROCK ALTERNATIVO ANNI ’70 E OLTRE? SU “MOONSTONE”! Intervista di Giovanni Agnoloni a Sonia Caporossi su Post Populi

di Giovanni Agnoloni (intervista pubblicata su Post Populi il 26/02/2014)

Rock alternativo anni 70 253x170 IL ROCK ALTERNATIVO ANNI 70 E OLTRE? SU MOONSTONE!

Sonia Caporossi

“Facendo il traduttore, spesso passo la nottata a lavorare al computer. E, lavorando, ascolto musica. Niente di meglio, allora, di un programma che trasmette rock di qualità. Conoscevo già Sonia Caporossi per il suo ottimo lavoro di critica e riflessione filosofica, condotto con Antonella Pierangeli sul blog Critica Impura, e ho scoperto la sua trasmissione “Moonstone”, sulla musica alternativa rock ed elettronica dagli Anni ’70 a oggi, che si è rivelata un’ottima compagna di (o verso le) ore piccole – va in onda la domenica dalle 21,00 alle 24,00 su Radio Centro Musica.”

CLICCA QUI O SULLA FOTO PER LEGGERE L’INTERVISTA COMPLETA

Moonstone, settima puntata seconda serie, 02/03/2014: la playlist

Magma
Magma

Stanley Clarke – Vulcan Princess

Raising Fear – Thorr

Wallenstein – Lunetic

Earth – Omens and portents I: the driver

Nektar – Journey to the centre of the eye

Mike Oldfield – Incantations part 2 & 3 (Exposed Live 1978)

Iceberg – Nova (Musica de la llum)

Osanna – L’uomo

Cosmic Vibration – Come on people

The Trip – L’ultima ora e ode a Jimi Hendrix

Void Generator – Behind my door

Void Generator – Synapsex

Magma – Da Zeuhl Wortz Mekanik

Kraan – Nam nam

Sweet Smoke – Shadout Mapes

Toner Low – We will conquer

Can – Mighty Girl

Canvas Solaris – Reticula Consciousness

Moonstone: suoni e rumori del vecchio e del nuovo millennio, ogni domenica dalle 21 a mezzanotte su http://www.radiocentromusica.it

e su http://www.radiocentromusica.tv

In FM su:

ITALIA 93.700 – 107.200 – 87.500 – 96.50 – 87.750
EUROPA 97.100
STATI UNITI 97.100
AMERICA LATINA 97.100

Per contatti: moonstone@radiocentromusica.it

Sonia Caporossi

disartrofonie. “Il trittico della Shoah” di Sonia Caporossi

Sonia Caporossi, “Shoah n. 1″ (2014)
Sonia Caporossi, “Shoah n. 1″ (2014)

 

Sonia Caporossi, “Shoah n. 2″ (2014)
Sonia Caporossi, “Shoah n. 2″ (2014)

 

Sonia Caporossi, “Shoah n. 3″ (2014)
Sonia Caporossi, “Shoah n. 3″ (2014)

Perchè questo cruciverba del male anticipa scie di scale di grigi?

E dire che la mia dedizione alla digital art, che è annosa visto che comincio ad interessarmene e a praticarla graficamente nel 1998, è cominciata all’insegna dei colori accesi. L’argomento della Shoah da me toccato in questo trittico non poteva, a mio parere, essere espresso che evocando il colore grigio in tutte le sue forme. Questo colore storicamente ha subito una serie di incomprensioni feroci da parte dei fruitori d’arte. Non è vero, ad esempio, che si tratti di “bianco sporco”, perché questa concezione, se data per buona, sminuirebbe l’autonomia estetica e la valenza autodeterminantesi del grigio come forma, in senso latino, in quanto tale. È vero che si ottiene mescolando blu rosso e giallo, ma l’essere questi tre dei colori primari ne oscura quasi l’intima indipendenza, la posizione risoluta e risolutiva di colore cardine dell’esistenza, rappresentazione  immaginifica di condizioni impresse nell’événementiel, col suo essere in ciò grigio neutro, laddove invece, se lo otteniamo mescolando ciano, magenta e giallo, sembra già più corporale, spurio, ordinario e normalizzato. Il bistro tipografico non renderebbe ragione della mostra delle atrocità che il nazismo e la Shoah sono state e sono ancor oggi. Ecco perché il grigio, in questo trittico, l’ho un po’ maneggiato e scardinato, in virtù di un uso abbastanza oculato di Photoshop, perché si piegasse al mio desiderio di rappresentare simbolicamente il conflitto sospeso nel tempo di un dolore, pasolinianamente, masochistico e sadico insieme (penso a Salò o le 120 giornate di Sodoma in questo momento).

Le linee oblique che sottostanno alle caselle bianche e nere della vita e della morte sembrano annunciare la scelta di terzi sull’una e l’altra, sulla vita di altri popoli. Perché gli individui diventano informi poligoni oltre alcun caleidoscopio nella seconda immagine del Trittico?

Non c’è alcun riferimento a Goya, alla fucilazione del Tre Maggio 1808, se è questo che intendi. L’humanitas antihumanitas, l’umanità disumana di Goya nel mio trittico è portata all’estremo livello della decostruzione in forme prima squadrate, che rappresentano simbolicamente le prime leggi antiebraiche in Germania e Italia, e poi, dopo la conferenza di Wannsee e la Soluzione Finale, crassamente sinusoidali, giacché l’uomo all’interno della semiosfera del nazismo conclamato non è neanche più uomo, figuriamoci se possa essere disumanizzato, ovvero sottratto del modo e dell’attributo dell’humanitas in se stesso. Diciamo che il trittico è incentrato su uno sviluppo temporale simbolico: la scacchiera bianca e nera rappresenta evidentemente la costituzione interna di una società a compartimenti stagni, all’interno della quale, come disse Hitler in persona la notte fra l’11 e il 12 luglio 1941, “quando il nazionalsocialismo avrà regnato per un periodo abbastanza lungo di tempo, non sarà più possibile concepire una forma di vita diversa dalla nostra”. E poi, pian piano, prende piede anche graficamente la fenomenologia della catastrofe: i campi di sterminio e quindi le curve sinusoidi della Storia ubriacata dall’ideologismo. Anche, perché no, dell’ideologismo controrevisionista. Quello in base al quale nella coscienza collettiva dell’umanità si vuol più o meno consapevolmente far passare la falsa notizia, avallata dalla compiacenza colpevole delle Istituzioni, che siano morti solamente sei milioni di ebrei, in barba agli omosessuali, agli zingari, ai prigionieri politici, agli handicappati, ai malati mentali, agli asociali, alle lesbiche….

In un disegno in cui il mare non si vede più perché non esiste più il blu. Nel disegno, nel piano di terzi. Il cielo è nero, le onde non sono onde quando diventano nere, sempre perché non esistono. Intanto, si compie lo sterminio.

Si compie ineluttabile ogni giorno, ogni volta che qualcuno dice “ebreo” o “frocio” in tono dispregiativo. Siamo tutti ebrei, siamo tutti gay. “God is gay”, trovai scritto per terra, nel parco antistante al Museo della Scienza di Glasgow nell’estate del 1993 quando, ventenne, andai a visitarlo insieme al mio uomo d’allora. Giacché niente, davvero, esiste ancora oggi di maggiormente cristallizzato e sospeso, rispetto a questo mastodontico enigma della Storia che ancora chiede ragione del perché e del come sia potuto accadere, come un punto interrogativo che anela risposta, un palo aguzzo confitto nelle brulle asperità della Storia, al di là delle Joy Division, delle Atrocity Exhibition, delle Notti e delle Nebbie. È per questo che noi siamo qui, a ricordarcene ogni giorno. Siccome il giorno dopo potrebbe anche benissimo non darsi e non essersi dato mai.

Nella terza immagine è troppo tardi, piovono onde di morte. Il cielo è di legno, derivato mortale della cenere morta.

Esatto, è troppo tardi. È come quando Stalin disse “una morte è una tragedia; un milione di morti, statistica”. Non c’è più sensazione né sentimento, manca l’aisthesis, volatilizzata assieme al senso intrinseco delle cose. L’universo è cullato dolcemente dalle curve di un’esistenza anestetizzata, siamo come addormentati col Ritalin, niente importa più in un mondo in cui i bambini imparano a sfogare i propri istinti omicidi primordiali ed ossessivi con i first person shooter. Siamo abituati, assuefatti al dolore. Un tempo in Grecia c’erano la tragedia, la commedia e il dramma satiresco. Oggi si parla genericamente di dramma giacché la commedia ormai, irrimediabilmente, è un’altra cosa: si confonde con la satira. Quando i generi si mescolano, non esiste più il genere; la letteratura, l’arte, la poesia non perdono il proprio gender, lo rimescolano in un’identità teratologica simile a quella della scena finale de “La mosca” di Cronenberg. Abbiamo semplicemente agglutinato gli arti carnacei scomposti del senso delle cose. Dopo Auschwitz, niente è più come prima. E questo non è neanche un insegnamento, non è neanche un monito, è bensì una constatazione. L’umanità salverà se stessa solo se recupererà un individualismo sano e maturo al di là del generico e qualunquistico stato sociale indistinto in cui tutte le vacche sono nere. Per essere meno egoisti, è questo il paradosso, bisogna tornare ad esserlo: perché le dittature, anche quelle taciute e sottese, la Storia ce lo insegna, sorgono solamente quando la propria individualità viene vilipesa, oppressa ed annullata nell’indistinzione del mucchio, disintegrando l’identità in un numero di serie o in un codice a barre. Come del resto, nel berlusconismo postrepubblicano attuale, accade biecamente ogni giorno. Senza che nessuno se ne accorga se non da compiacente.

(intervista a Sonia Caporossi a cura di Cecilia Samorè precedentemente pubblicata in Spazio Virtuale Occupato)