Da “Hypnerotomachia Ulixis” – Sonia Caporossi

Antonio Francesco Perozzi, sul suo laboratorio di poesia e prosa di ricerca, analizza con tutti gli strumenti del mestiere un estratto dal mio romanzo onirico “Hypnerotomachia Ulixis” (Carteggi Letterari 2019). Buona lettura.

La morte per acqua

Mi trovo adesso al centro di una piazza lastricata, ancora una volta completamente solo. Palazzi sconosciuti intorno a me. Non mi interessa guardarli; piuttosto, la mia attenzione si concentra sulle mattonelle bianchissime su cui cammino, le quali mi inducono a pensare, come ultimo sprazzo neuronale, di essere ritornato al centro dell’incubo bianco da cui è iniziato questo percorso infernale di purificazione all’incontrario. Al centro perfetto di questa piazza incolore, posta su un piedistallo di legno d’ebano scuro come la morte, che riluce calmo di non luce ai riflessi solari diafani e spenti, un’affilata, alta, sicura e misteriosa ghigliottina. La osservo rimanere immobile di fronte alla mia falsa indifferenza, scrutare ogni recondito pensiero che mi ha dominato, un tempo, e la sua lama ora mi compare sul campo visivo per ferirmi le cornee di un lampo, come fosse l’ultimo confessionale in cui rigurgitare stanco la mia disperazione privata. Riconosco, fra i…

View original post 761 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...