Void Generator – Da Captain Trips, “Anatomy of a Trip” (Phonosphera Records 2019)

Void Generator – Da Captain Trips ‘Anatomy of a Trip’
New album out now.

CRITICA IMPURA

Void Generator, Da Captain Trips – Anatomy of a trip, Phonosphera Records 2019

Void Generator – Da Captain Trips ‘Anatomy of a Trip’

Void Generator – Da Captain Trips, Anatomy of a Trip, Phonosphera Records bandcamp

Da Captain Trips – bandcamp

Void Generator – bandcamp

Facebook – Da Captain Trips 

Void Generator official Site

Phonosphera Records 

Track Listing 1-Germanium Run (Void) 9:30

2-The Dark Side of the Doom (Void) 7:36

3-Metaphysical Suspension (Da Captain) 22:19

All is free/jam impro, no edit at all.

Soon as VINYL at Phonosphera Records

Art by MDA http://www.instagram.com/martina/

credits released April 19, 2019

View original post

Lo Zen, oppure l’abilità di catturare un suono. Scrittura, oralità e impermanenza – Sonia Caporossi letta da Filippo Lubrano

Testo scritto in occasione del convegno nazionale Mitilanza #1, gli spazi mobili della poesia, tenutosi a La Spezia il 25 e 26 febbraio 2017 e riportato in video con la lettura di Filippo Lubrano un anno dopo, con la pubblicazione degli interventi critici raccolti per l’occasione, nella serie degli Elzeviri di Mitilanza: Elzeviro #3.

CRITICA IMPURA

Filippo Lubrano

Testo di SONIA CAPOROSSI *

Lettura in video di FILIPPO LUBRANO *

Esiste, in teoria della letteratura, una dicotomia funesta e foriera di infiniti lutti addotti non solo agli Achei, ma anche ai contemporanei: quella tra poesia e letteratura, ovvero tra oralità e scrittura, tematizzata negli ultimi anni da un’agguerrita frangia di poeti performativi. Si tende a sottolineare in modo un po’ manicheo tale dialettica dei distinti ponendo in risalto l’ovvietà del fatto che originariamente la poesia sia nata orale e solo dopo si sia fatta anche testo scritto, la posteriorità dei due termini della contesa essendo concepita in senso logico, non solo cronologico. Da questa posizione, discendono alcune antinomie spesso fuorvianti: esisterebbero, così, la poesia che si declama e la poesia che si legge interiormente (ma per coloro che sostengono l’originarietà estetica dell’oralità poetica, la lettura interiore è un approccio comunque sonoro anche se si svolge…

View original post 1.239 altre parole

Opus Metachronicum, il reading musicale all’Orto dei Libri (28/10/2017): retrospettiva dell’evento

All’Orto dei Libri (Via dei Lincei 31-33, Roma) sono tornati lo scorso 28 Ottobre  SONIA CAPOROSSI e la chitarra di ANDREA MORICONI per la lettura di un’opera decisamente anticonformista. Dalla quarta di copertina: “OPUS METACHRONICUM è una carrellata straniante di mostruosità postmoderne nella forma del conte-philosophique. La raccolta si sgrana in una serie di io narranti battaglieri e raziocinanti che danno il titolo ad ogni singolo racconto, personaggi tratti dalla storia, dalla filosofia, dall’arte e dalla letteratura. Van Gogh è un novello Edipo che si acceca per resistere al richiamo visivo di una mostra di propri quadri; Curione è colto nell’attimo della sospensione temporale nell’istante prima di suggerire a Cesare di passare il Rubicone; Dorian Gray è il gemello doppelganger di Oscar Wilde; il marito di Emma Bovary un assassino sanguinario che esce dal romanzo di Flaubert per scoprire, solo dopo il delitto, i tradimenti della moglie; Proust, in un inno straniato alla gelosia, sevizia la prigioniera Albertine; P.P.P. è il grande intellettuale friulano che, incontrando un gatto randagio, riflette sul senso della vita e della morte per poi ritrovarsi, qualche racconto dopo, come protagonista muto ed esangue del proprio massacro al Lido di Ostia, dove viene identificato dal suo supremo antagonista Jack lo Squartatore, uomo comune in ombra, nemico della Cultura e serial killer”.

Ecco alcune foto per una retrospettiva dell’evento.

Sonia Caporossi e Andrea Moriconi
Andrea Moriconi
Sonia Caporossi e Andrea Moriconi
Sonia Caporossi
Spettatori d’eccezione: Sandro Battisti e Ksenja Laginja
Andrea Moriconi e Anna Maria Curci
Sonia Caporossi e Andrea Moriconi durante la lettura
La chitarra di Andrea Moriconi

Void Generator, “Prodromi” (Phonosphera Records 2017): quando l’heavy psych raggiunge il Cosmo

Prodromi è il nuovo album dei VOID GENERATOR in uscita per la Phonosphera Records: jam session psichedeliche, space rock, kosmische musik e deviazioni krautrock senza limiti di cronotopo.

Partorito da qualche zona mefistofelica delle onde cerebrali dei quattro membri della band connessi con lo Spazio Profondo e interamente registrato in presa diretta con un microfono Zoom.

Esattamente ciò che accade quando l’heavy psych raggiunge il Cosmo.

Line Up:
Gianmarco Void Generator Iantaffi: chitarre elettriche.
Sonia Caporossi: chitarre elettriche.
Enrico Cosimi: synth e rumori.
Marco Cenci: batteria.
Preascolto qui: https://phonosphera.bandcamp.com/album/void-generator-prodromi

CRITICA IMPURA

A cura della REDAZIONE

Prodromi è il nuovo album dei VOID GENERATOR in uscita per la Phonosphera Records: jam session psichedeliche, space rock, kosmische musik e deviazioni krautrock senza limiti di cronotopo.

Partorito da qualche zona mefistofelica delle onde cerebrali dei quattro membri della band connessi con lo Spazio Profondo e interamente registrato in presa diretta con un microfono Zoom.

Esattamente ciò che accade quando l’heavy psych raggiunge il Cosmo.

Line Up:
Gianmarco Void Generator Iantaffi: chitarre elettriche.
Sonia Caporossi: chitarre elettriche.
Enrico Cosimi: synth e rumori.
Marco Cenci: batteria.

Preascolto qui: https://phonosphera.bandcamp.com/album/void-generator-prodromi

View original post

“Erotomaculae”, reading musicale con Sonia Caporossi e Andrea Moriconi – Domenica 16 luglio, ore 19:00, L’Orto dei Libri (Roma)

Di GIORGIO GALLI

Dopo aver conosciuto Sonia Caporossi come critico letterario con “Da che verso stai?”, Domenica 16 luglio alle 19:00 L’Orto dei Libri incontra e vi fa incontrare la sua poesia, in un concerto poetico che si svolgerà all’aperto, nella piccola “città del libro” che abbiamo creato davanti a noi. Coraggiosa, spiazzante, intelligente e appassionata, Sonia legge, fra le tessiture musicali della chitarra di Andrea Moriconi, la sua raccolta di poesie omoerotiche Erotomaculae (Algra Editore, Catania 2016).

Dalla prefazione di Giovanna Frene: “Queste pagine trasudano un corpo, ne portano l’impronta sindonica, e sono un corpo… Di questo corpo-poesia più che un significato complessivo al termine della lettura rimane un suono, o meglio, una partitura di suoni dissonanti che la nostra mente ha prodotto interpretando questi testi che sono dei veri e propri “spartiti epidermici”… insomma, ci si trova ad avere immerso le mani in una sostanza fisica senza essercene accorti, pensando di avere tra le mani il solito libro di poesia. E invece, si ha a che fare con qualcosa di vivente e sussultante, difficile da dimenticare, perturbante, certo unico nel panorama poetico italiano. Un libro da vivere, prima ancora che da penetrare con l’intelletto”.

Sonia Caporossi (Tivoli, 1973), docente, musicista, musicologa, scrittrice, poeta, critica letteraria, artista digitale, si occupa di estetica filosofica e filosofia del linguaggio. Con il gruppo di art-psychedelic rock Void Generator ha all’attivo gli album Phantom Hell And Soar Angelic (Phonosphera Records 2010), Collision EP (2011),Supersound (2014) e le compilation Fuori dal Centro (Fluido Distribuzioni, ITA 1999) eRiot On Sunset 25 (272 Records, USA 2011). Suoi contributi saggistici, narrativi e poetici sono apparsi su blog e riviste nazionali e internazionali. Dirige il blog Critica Impura. Ha pubblicato a maggio del 2014 la raccolta narrativa Opus Metachronicum(Corrimano Edizioni, Palermo 2014, seconda ed. 2015). Insieme ad Antonella Pierangeli ha inoltre pubblicato Un anno di Critica Impura (Web Press, Milano 2013) e la curatela antologica Poeti della lontananza (Marco Saya Edizioni, Milano 2014). È presente come poeta nell’antologia La consolazione della poesia a cura di Federica D’Amato (Ianieri Edizioni, Pescara 2015) e, con contributi saggistici, nei collettaneiPasolini, la diversità consapevole a cura di Enzo Campi (Marco Saya Edizioni, Milano 2015) e La pietà del pensiero. Heidegger e i Quaderni Neri a cura di Francesca Brencio (Aguaplano Edizioni, Perugia 2015). È del 2016 la sua silloge di poesie omoeroticheErotomaculae (Algra Editore, Catania), mentre nel 2017 pubblica la raccolta di saggi sulla poesia ultracontemporanea Da che verso stai? (Marco Saya Edizioni). Conduce su Radio Centro Musica la trasmissione Moonstone: suoni e rumori del vecchio e del nuovomillennio.  Vive e lavora nei pressi di Roma.

Domenica 16 luglio dalle ore 19:00 alle ore 21:00

L’Orto dei Libri

Via dei Lincei 31 – 33, 00147 Roma
Per informazioni:
347 006 0096

 

Sorgente: “Erotomaculae”, reading musicale con Sonia Caporossi e Andrea Moriconi – Domenica 16 luglio, ore 19:00, L’Orto dei Libri (Roma)

15/12/2016, “Erotomaculae” al Pentatonic. Foto di Dino Ignani

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il 15 dicembre 2016, al Pentatonic (Roma), ho letto davanti a un pubblico d’eccezione numerose poesie tratte dalla mia ultima silloge poetica “Erotomaculae” (Algra Editore) con l’introduzione critica di Anna Maria Curci e l’accompagnamento musicale dello sperimentatore chitarristico M° Andrea Moriconi. Ecco alcune foto dell’evento inviatemi dall’amico Dino Ignani.

 

Lidia Riviello e Marthia Carrozzo a Bologna In Lettere: l’intervento critico di Sonia Caporossi in video

Bologna In Lettere, Sabato 26 Novembre, ore 18.30, Cortile Café. Presentazione di “Sonnologie” di Lidia Riviello (Zona Contemporanea Edizioni) e “Piccolissimo compianto all’incompiuto” di Marthia Carrozzo (Besa Editrice). Ecco il video dell’intervento critico di Sonia Caporossi. A cura di Enzo Campi. Fotografia di Angelo J. Zanecchia.

CRITICA IMPURA

Bologna In Lettere, Sabato 26 Novembre, ore 18.30, Cortile Café. Presentazione di “Sonnologie” di Lidia Riviello (Zona Contemporanea Edizioni) e “Piccolissimo compianto all’incompiuto” di Marthia Carrozzo (Besa Editrice). Ecco il video dell’intervento critico di Sonia Caporossi. A cura di Enzo Campi. Fotografia di Angelo J. Zanecchia.

View original post