Moonstone 2020: gli album di musica alternativa che hanno fatto la storia

CRITICA IMPURA

 

Di SONIA CAPOROSSI

Dopo la pausa natalizia, da lunedì 13 Gennaio e per tutti i lunedì a seguire, dalle ore 21 alle ore 23 sull’italo-irlandese NorthStar WebRadio torna Moonstone: suoni e rumori del vecchio e del nuovo millennio, la storica trasmissione di musica alternativa che entra ormai nel suo undicesimo anno di programmazione.

Come gli ascoltatori, gli affezionati e gli appassionati sanno ormai bene, Moonstone propone due ore piene di accurate selezioni di musica alternativa italiana e straniera: indie, psychedelia, stoner, desert, hard rock, nu metal, new wave, dark, electrogothic, gothic rock, doom, experimental, art rock, electrovintage, electroclash, electronic body music, aggrotech, technovintage, dreampop, shoegaze, grunge, ska, neofolk, batcave, garage, punk, post punk, crossover, progressive, symphonic, math rock, post rock, medieval, new romantic, no wave, noise, darkwave, industrial, death rock, glam, neue deutsche welle, kosmische musik, krautrock e chi più ne ha più ne metta.

Anche quest’anno, la…

View original post 56 altre parole

Marco Bini, “Il cane di Tokyo”, nota critica di Sonia Caporossi

CRITICA IMPURA

Marco Bini, “Il cane di Tokyo”, Perrone Editore 2016

Di SONIA CAPOROSSI *

Marco Bini, Il cane di Tokyo

“Così le zampe si fissano a terra / le unghie – dure – si fanno radici”. Un uomo si fa cane, un cane si fa uomo: le sue zampe affondano nella sostanza pavimentale sostratica del mondo e cercano un basamento di realtà per dirsi e per narrarsi, per farsi se non vita, almeno storia; le zampe si fanno mani, le mani si fanno strumenti di ricerca di un appiglio nei vuoti di realtà, nei vuoti di memoria, nei vuoti della nostra storia. Ne Il cane di Tokyo di Marco Bini si cerca di significar per verba un trasumanare analogico, metaforico, simbolicamente ancorato alla significanza universale delle cose. Sono versi di una metamorfosi che, se nella sezione eponima del libro trasmuta l’essere umano in un quieto animale più umano dell’umano, invece nella…

View original post 891 altre parole

Autostrade interstellari

Buon Natale!

CRITICA IMPURA

CRITICA IMPURA BLOGaugura buone feste a tutti i lettori e lo fa, come al solito, artisticamente, laicamente, a modo suo…

View original post

Gli spazi mobili della poesia #5: Sonia Caporossi, “Immobili generazioni”

Il mio intervento critico nell’ambito del convegno Gli Spazi Mobili della Poesia, indetto come Mitilanza #1 a La Spezia il 25-26 febbraio 2017 dapprima pubblicato su Midnight Magazine e in seguito nell’omonimo ebook su Amazon.

CRITICA IMPURA

Sonia Caporossi

Di SONIA CAPOROSSI *

21 marzo 2017

La prima tavola rotonda di Mitilanza #1 – Gli spazi mobili della poesia, il convegno che ha raccolto più di cento poeti e critici da tutta Italia nell’ormai nota due giorni della Spezia (25-26 febbraio 2017), ha riguardato l’annosa questione generazionale della dipendenza filiale da padri putativi e modelli, presunti o meno. Nel corso degli interventi che si sono avvicendati è stato possibile evidenziare come l’argomento non sia nuovo, e non solo nelle sue cicliche declinazioni storico–letterarie, i cui riferimenti dovrebbero sorgere immediati, ma anche nei dibattiti degli ultimi anni, come se la questione generazionale non avesse mai davvero trovato una soluzione in un qualche parricidio di memoria platonica (“bisogna uccidere il padre Parmenide” è espressione ormai proverbiale per significare la necessità di un superamento di istanze filosofiche preesistenti i cui paradigmi sono ormai obsoleti). Infatti, negli ultimi tempi è…

View original post 1.598 altre parole

Invito alla lettura: Collana “La costante di Fidia” (Marco Saya Edizioni) a Roma, “Pentatonic”, 15/12/19

CRITICA IMPURA

Associazione Culturale “Villaggio Cultura – Pentatonic”

Viale Oscar Sinigaglia 18 – Roma

Domenica 15 dicembre 2019 ore 17

Invito alla lettura: La gentilezza dell’angelo, Silenzio e tempesta

Sonia Caporossi (a cura di), La gentilezza dell’angelo. Viaggio antologico nello stilnovismo

Rainer Maria Rilke, Silenzio e tempesta. Poesie d’amore. A cura di Raffaela Fazio

Conversazione con Sonia Caporossi e Raffaela Fazio, curatrici dei volumi pubblicati da

Marco Saya Edizioni 2019

La collana di classici italiani e stranieri “La costante di Fidia”, diretta da Sonia Caporossi per Marco Saya Editore, si caratterizza nell’ambito delle collane tradizionali della piccola e media editoria per una particolare cura riservata all’apparato critico e alla traduzione dei testi, mantenendo contemporaneamente vivo il compito divulgativo che si manifesta in volumi agili e snelli, curati nella grafica e nella redazione fino al minimo dettaglio. La trasmissione culturale è l’obiettivo principale della collana, perseguita nella consapevolezza della responsabilità fondamentale che un…

View original post 9 altre parole

Stefania Di Lino, “La Parola Detta” a Roma, Biblioteca Nelson Mandela, Giovedì 12 Dicembre ore 17:30

Pulsione e ideologia: l’Edipo Re di Pasolini fra autobiografia e contenutismo. Una proposta di lettura.

Saggio di critica cinematografica che offre un’inedita interpretazione psicanalitica dell’Edipo Re di Pasolini. Buona lettura.

CRITICA IMPURA

Citti e Davoli in Edipo Re Citti e Davoli in Edipo Re

diSONIA CAPOROSSI

“Non si torna mai all’innocenza. Non solo se si è scoperto di essere colpevoli, ma anche se si è scoperto di essere innocenti”.

Emilio Garroni

“Edipo Re” di Pasolini è un film contraddittorio come spesso la produzione registica del nostro autore ha concesso ai critici più smaliziati ed onesti di poter dire. Dietro, oltre e nonostante una sagoma estetica sostanzialmente inguardabile, quella stessa che lo rende un film datato che rientra nella vasta e conclamata categoria del brutto formale, ciò che continua ad emozionare dell’opera è il contenuto, l’autobiografismo, l’ermeneusi precisa ed intellettualmente calzante dell’argumentum freudiano, la cogenza tematica della  conflittualità edipica, al di là di ogni rabberciata ideologia cucitagli addosso dalla vessatoria ed impropria lettura del proprio tempo storico e sociale, nel massacro di significanza imposta dell’incombente Sessantotto che tutto ha trascinato nei propri dettami interpretativi, anche ciò che ben più onestamente…

View original post 2.847 altre parole